- 10 ounce can of mushrooms where to buy weight loss pills On the surface, weight-loss sounds like a simple idea: eat less calories than you get through, and you will lose fat. belly fat loss An interesting new hormone, that is not a sex hormone, has been implicated in abdominal fat creation. This hormone, called neuropeptide Y (NPY), has been studied in mice. When researchers blocked NPY in obese mice, the mice fat buildup promptly melted away. “It s incredible”, according to Dr. Zofia Zukowska of Georgetown University. useful source Gains of yoga the best diet for weight loss - Feelings of hopelessness and despair ali weight loss pills - Mansioni e Qualifiche
Home arrow Mansioni e Qualifiche
Mansioni e Qualifiche PDF Stampa E-mail


L’art. 2103 c.c. stabilisce che il lavoratore debba essere addetto alle mansioni per le quali è stato assunto o a quelle corrispondenti alla categoria superiore che abbia successivamente acquisito, ovvero a mansioni equivalenti alle ultime effettivamente svolte.
In altre parole, il lavoratore non può essere adibito a mansioni inferiori.
In caso contrario, il comportamento del datore di lavoro può essere impugnato avanti il Giudice del lavoro, al fine di ottenere l'accertamento dell'intervenuta dequalificazione e la conseguente riassegnazione a mansioni equivalenti, ovvero adeguate e corrispondenti alla professionalità acquisita.

Inoltre, costituisce principio ormai acquisito dalla giurisprudenza che una dequalificazione o addirittura la totale sottrazione di ogni mansione si riflettano sull'immagine professionale del lavoratore e quindi sul suo "valore" sul mercato del lavoro, determinando perciò un danno di tipo professionale.
La giurisprudenza ha ripetutamente ritenuto risarcibile il danno alla professionalità, conseguentemente riconoscendo, in via equitativa, un risarcimento pari a una somma corrispondente a circa la metà delle retribuzioni percepite dal lavoratore nel corso del periodo di dequalificazione.
In alcuni casi è stato anche accertato che il demansionamento, traducendosi in una sofferenza fisico-psichica, abbia prodotto danni alla salute del dipendente.
In casi come questi, dopo che è stato rigorosamente provato il nesso di causalità tra il comportamento illegittimo del datore di lavoro e la malattia (da accertare in genere mediante apposita consulenza tecnica medica), è stato anche riconosciuto il diritto al risarcimento del danno biologico, liquidato sempre in via equitativa.

 

Tuttavia, bisogna avvertire che, secondo un orientamento giurisprudenziale, il rifiuto  a eseguire mansioni inferiori a seguito di una richiesta del datore di lavoro è legittimo a condizione che il lavoratore rispetti il generale principio della buona fede: in altri termini, il lavoratore, che rifiuti lo svolgimento della nuova mansione dequalificante, esplicitamente deve offrire la propria disponibilità ad eseguire la mansione precedente.

Va anche detto che, quand'anche venisse adottata questa precauzione, il lavoratore non sarebbe al riparo da ogni inconveniente.
Infatti, non è da escludersi che il datore di lavoro, a fronte del rifiuto, licenzi il lavoratore.
Ebbene, la giurisprudenza subordina la dichiarazione di illegittimità di un simile licenziamento al preventivo accertamento che la mansione rifiutata dal lavoratore fosse realmente dequalificante. In caso contrario, il licenziamento sarebbe legittimo.


Si capisce dunque il rischio cui un lavoratore andrebbe incontro qualora rifiutasse di eseguire la nuova mansione ritenuta dequalificante.
In primo luogo, la valutazione, compiuta dal lavoratore interessato in ordine alla ricorrenza della dequalificazione, potrebbe essere inesatta.
In secondo luogo, quand'anche tale valutazione fosse corretta, il lavoratore correrebbe pur sempre il rischio di non riuscire a provare, davanti al giudice, di aver effettivamente subito una dequalificazione. Pertanto, in simili casi, il lavoratore perderebbe, oltre alla mansione originaria, anche il posto di lavoro.

Per non incorrere in rischi così gravi, è dunque preferibile che il lavoratore, pur manifestando il proprio dissenso in ordine alla assegnazione della nuova mansione, esegua l'ordine impartito dal datore di lavoro, provvedendo al più presto a far accertare in sede giudiziaria la dequalificazione subita.
Solo in presenza di una condanna, nei confronti del datore di lavoro, ad adibire il lavoratore a mansioni equivalenti, e a fronte dell'inottemperanza da parte del datore di lavoro, il lavoratore può rifiutare la mansione dequalificante senza incorrere nei rischi sopra indicati.

 

 

LOGIN






Password dimenticata?

Ricerca

Advertisement

Newsletter

Inserisci la tua email per ricevere gli aggiornamenti




SONDAGGIO

Oggi ha visitato lo Studio Legale Lavoro un
 
Design by RocketTheme © 2005 - 2006 All Rights Reserved